Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il leader del Cremlino Dmitri Medvedev ha invitato la leadership libica "ad usare moderazione per non peggiorare ulteriormente la situazione e a non uccidere la popolazione civile, altrimenti - ha ammonito - tali azioni saranno qualificate come delitto, con tutte le conseguenze che derivano dal diritto internazionale". Lo riferisce l'agenzia Interfax citando una dichiarazione speciale del presidente da San Pietroburgo.

"La Russia condanna l'uso della forza contro i civili sotto gli ordini della leadership del Paese", ha detto Medvedev. "Chiediamo con forza alle autorità libiche e a tutti i politici responsabili della situazione attuale a mostrare moderazione per evitare il peggioramento della situazione e l'uccisione di civili", ha aggiunto il capo dello Stato. "Altrimenti, tali azioni saranno considerate come un crimine, con tutte le conseguenze in base alla legge internazionale", ha concluso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS