Navigation

Libia: Oim sgombera altri 600 migranti e feriti da Misurata

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2011 - 15:10
(Keystone-ATS)

Circa 600 migranti e civili feriti sono stati evacuati via mare dalla città libica di Misurata: una nave noleggiata dall'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) è attesa oggi a Bengasi, nell'est della Libia, dopo aver evacuato un nuovo gruppo di 600 migranti e feriti da Misurata, afferma l'Oim in una nota a Ginevra.

È la settima missione via mare condotta dall'Oim da metà di aprile per evacuare da Misurata lavoratori stranieri e civili feriti bloccati in Libia dopo lo scoppio del conflitto tra le forze pro-Gheddafi ed i ribelli.

Globalmente 7mila persone sono state evacuate. In occasione dell'ultimo viaggio sono stati tratti in salvo 392 nigerini e immigrati provenienti dalla Nigeria, Ciad, Sudan, Pakistan, Egitto, Bangladesh, Tunisia e sette palestinesi.

L'imbarcazione ha inoltre potuto trasportare nella città assediata 280 tonnellate di aiuti alimentari, un ospedale da campo, personale medico volontario ed una squadra di esperti di agenzie dell'Onu e di organizzazioni non governative incaricata di compiere una prima valutazione dei bisogni umanitari a Misurata.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?