Navigation

Libia: raid nato su Tripoli, oltre 20 minuti fuoco

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2011 - 08:11
(Keystone-ATS)

È durato oltre 20 minuti il raid della Nato che questa notte ha preso di mira una installazione militare poco distante dal bunker di Muammar Gheddafi, a Tripoli. Nell'attacco, contro una caserma semivuota di volontari secondo il governo libico, un impianto per i mezzi secondo l'Alleanza atlantica, si sono registrati almeno 3 morti e 150 feriti.

Poco dopo l'una di notte, riferiscono i corrispondenti presenti a Tripoli via Twitter, violente esplosioni hanno scosso l'area attorno al Rixos, l'albergo che ospita i giornalisti stranieri accreditati: almeno 18 le esplosioni che hanno fatto tremare il complesso, che si trova all'interno del compound di Bab-al-Azizia, e dista circa 1,5 km dal luogo presunto ove si troverebbe il bunker di Gheddafi.

Il raid ha preso di mira, con bombe laser-guidate, un impianto che "riforniva le forze responsabili degli attacchi contro i civili", afferma la Nato, situato all'interno del compound. I soldati del rais, "rappresentano ancora una minaccia per i civili, e continueremo a bombardare obiettivi che siano collegati a questa violenza", ha detto alla Cnn il generale Charles Bouchard, che guida la missione dell'Alleanza in Libia.

Il portavoce del governo libico, Moussa Ibrahim, ha tuonato che il raid notturno "rappresenta una escalation" e la maggior parte delle vittime sarebbero civili, abitanti delle case vicine la zona bombardata.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.