Navigation

Messico:boss preso grazie a profilo facebook fidanzata

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 gennaio 2011 - 21:08
(Keystone-ATS)

La vicenda del calciatore paraguaiano Salvador Cabanas, sopravvissuto un anno fa ad uno sparo di proiettile nella testa, è sempre al centro dell'attenzione in Messico. I media locali raccontano in questi giorni la storia dell'arresto di un capo narcos, detenuto insieme alla sua fidanzata, una modella colombiana, che avrebbe indirettamente provocato la loro detenzione pubblicando dei dati personali sulla sua pagina di un social network.

Ad essere arrestato è stato la scorsa settimana Josè Jorge Garza, più noto come 'JJ', accusato dell'aggressione contro Cabanas, avvenuta il 25 gennaio dell'anno scorso in un esclusivo bar a Città del Messico. 'JJ' - ritenuto l'operatore finanziario di Edgar Valdes Villareal, detto 'La Barbiè, uno dei più potenti narcotrafficanti messicani, arrestato a sua volta a novembre - è stato arrestato dopo un lungo periodo di latitanza insieme a Juliana Sossa Toroa, una bellissima modella colombiana di 25 anni.

A quanto pare, precisano i media locali, è stata proprio la Sossa a permettere, indirettamente, l'arresto dei due, visto che tempo fa aveva aggiunto nella sua pagina di Facebook una serie di dati su di lei e sul suo fidanzato, informazioni che si sono poi rivelate fondamentali per gli investigatori e che hanno portato alla loro detenzione.

Nelle sue dichiarazioni ai magistrati, 'JJ' ha d'altra parte precisato - aggiungono i media - di non essere stato lui ad aver sparato alla testa di Cabanas, bensì il capo della sua sicurezza, noto come 'El Contador', in manette ormai da qualche mese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.