Navigation

Mladic: non ho niente a che vedere con massacro Srebrenica

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 maggio 2011 - 15:14
(Keystone-ATS)

Ratko Mladic ha detto di non avere nulla a che fare con il massacro di Srebrenica, dove nel luglio 1995 ottomila musulmani furono uccisi dalle truppe serbo-bosniache da lui guidate. Lo ha riferito il figlio Darko all'uscita dal Tribunale speciale per i crimini di guerra in cui Mladic è detenuto in una delle celle. Il figlio e la moglie Bosiljka hanno reso oggi nuovamente visita all'ex generale.

"Mi ha detto che lui non ha nulla a che vedere con Srebrenica", ha affermato. "Al contrario, mio padre ha sottolineato che a Srebrenica ha salvato donne e ragazzi, e che gli ordini da lui impartiti erano stati quelli di "evacuare feriti, donne e bambini". Mladic è accusato di genocidio per il massacro di Srebrenica, e per questo il Tribunale penale dell'Aja lo vuole processare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.