Navigation

MO: Israele-Egitto, verso scambio detenuti

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2011 - 13:46
(Keystone-ATS)

A pochi giorni dallo scambio di prigionieri fra Israele e Hamas (mediato dall'Egitto) un'altra intesa analoga sembra essere sul punto di essere conclusa direttamente fra Israele e il Cairo.

Secondo alcuni mezzi stampa in Egitto e in Israele in cambio della liberazione dello studente universitario israelo-americano Ilan Grapel (arrestato al Cairo all'inizio dell'anno perchè sospettato di spionaggio) Israele si accinge a liberare nei prossimi giorni alcune decine di egiziani detenuti in Israele. Sulla stampa egiziana si afferma che il loro numero complessivo sarà di 81.

La mediazione dei due Paesi, a quanto pare, viene condotta dall'ambasciatore egiziano a Tel Aviv, Yasser Rida. Una volta raggiunta una intesa sui nomi e sulle modalità, lo scambio dovrebbe avvenire al valico di Taba, sul Mar Rosso.

Alla liberazione di Grapel si è interessata anche la ambasciata statunitense al Cairo. Israele, inoltre, cerca di ottenere la liberazione di un beduino israeliano, Odah Tarrabin, condannato in Egitto ad una lunga pena detentiva per spaccio di narcotici.

Gli egiziani che dovrebbero essere rilasciati da Israele dovrebbero essere anch'essi, a quanto afferma la stampa, contrabbandieri e trafficanti di vario genere e non militanti politici di alcuna organizzazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?