Navigation

MO: negoziati; Mubarak, Israele assuma responsabilità stallo

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2010 - 15:05
(Keystone-ATS)

IL CAIRO - Il presidente egiziano Hosni Mubarak ha addossato oggi a Israele la responsabilità dell'interruzione dei negoziati di pace con i palestinesi e ha chiesto agli Stati Uniti e al Quartetto mediorientale (Usa, Russia, Onu e Ue) un'azione più "efficace" per far uscire il processo di pace dall'attuale situazione di stallo.
In un discorso davanti alle due Camere del Parlamento (Assemblea del popolo e Consiglio consultivo) in occasione dell'apertura della legislatura, Mubarak ha messo in guardia contro "il pericolo e le conseguenze sulla stabilità del Medio Oriente dell'intransigenza della politica israeliana" e ha deplorato che "le azioni avviate a livello internazionale a tale riguardo non sono state finora all'altezza della vastità di tali pericoli e conseguenze".
Il presidente egiziano ha aggiunto che "tocca a Israele assumere la responsabilità della sospensione dei negoziati di pace con i palestinesi e comprendere che la sicurezza del suo popolo è realizzabile con la pace e non con le armi".
"Io chiedo agli Stati Uniti e al Quartetto - ha concluso Mubarak - di agire in modo più serio e più efficace per far uscire questo processo dal suo attuale stallo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?