Navigation

Munizioni a grappolo: il CF propone un divieto totale

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2010 - 17:54
(Keystone-ATS)

BERNA - Le munizioni a grappolo dovrebbero essere completamente vietate in Svizzera. Il Consiglio federale ha posto in consultazione oggi una revisione in questo senso della legge sul materiale da guerra. Obiettivo: poter ratificare la Convenzione internazionale che vieta questo genere di armamento.
Il progetto di revisione vuole vietare lo sviluppo, la fabbricazione, la vendita e l'acquisto, l'importazione e dell'esportazione, il transito come pure il deposito di armi con munizione a grappolo. Sarebbe anche punito chiunque incita a commettere un atto del genere o ne favorisce la realizzazione.
La pena prevista è una privazione della libertà di al massimo 10 anni e/o una multa. Per colui che agisce per negligenza, la pena detentiva sarebbe al massimo di un anno. Ratificando la Convenzione, la Svizzera s'impegna inoltre a distruggere, entro otto anni, le riserve di munizioni a grappolo dell'esercito svizzero.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?