Navigation

Negoziati Israele-Palestina: al via sessione Gerusalemme

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2010 - 18:10
(Keystone-ATS)

GERUSALEMME - Il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, ha accolto nel pomeriggio nella sua residenza di Gerusalemme il presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Abu Mazen, dando così inizio alla sessione odierna del secondo round dei negoziati diretti fra le parti, inaugurati il 2 settembre a Washington con la mediazione americana.
All'incontro è presente - come nella riunione svoltasi ieri a Sharm el Sheikh, in Egitto - anche il segretario di Stato degli Usa, Hillary Clinton. I negoziati, la cui scadenza è stata fissata a Washington in un anno, sono per ora in una fase interlocutoria, anche se le parti - secondo quanto ribadito oggi da Clinton - stanno già entrando nel vivo delle "questioni chiave".
L'atmosfera resta peraltro di estrema incertezza, appesantita dal persistente dissidio sul tema preliminare della moratoria sulle attività edilizie nelle colonie israeliane dei territori occupati: moratoria in scadenza a fine mese e che il governo Netanyahu non appare disposto a prorogare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.