Navigation

Orizzonte 2020: Commissione europea dà via libera

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2014 - 14:51
(Keystone-ATS)

La Commissione europea ha dato via libera all'adesione della Svizzera al programma europeo di ricerca "Horizon 2020". Il relativo contratto è già stato approvato dal Consiglio federale e ora toccherà ai 28 stati membri pronunciarsi, secondo quanto ha indicato un portavoce a Bruxelles. La firma definitiva dell'intesa è prevista entro la fine dell'anno.

L'accordo prevede un'adesione parziale fino al 31 dicembre 2016, periodo durante il quale i ricercatori operanti in Svizzera potranno partecipare ad alcuni segmenti del programma e candidarsi per borse di studio del Consiglio europeo.

Dal 2017 l'adesione dovrebbe diventare completa, a condizione che Svizzera e UE, dopo il voto del 9 febbraio sull'immigrazione di massa, raggiungano una soluzione in materia di libera circolazione delle persone. In caso contrario la Svizzera parteciperà a "Horizon 2020" solo come paese terzo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.