Navigation

Pedofilia: Canada, ordine religioso ammette decine abusi

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 ottobre 2011 - 20:39
(Keystone-ATS)

È uno dei più gravi scandali di pedofilia che si ricordino in Canada, con decine di scolari coinvolti. Dopo aver negato per anni, oggi la Congregazione cattolica della Santa Croce e Nôtre Dame del Québec ha ammesso l'esistenza di abusi sessuali verificatisi in tre dei suoi istituti tra il 1950 e il 2001. Ed è pronta a pagare a titolo di risarcimento una cifra record: 18 milioni di dollari.

Finora mai - nonostante le accuse e le testimonianze - i religiosi avevano confermato le violenze subite da molti bambini nel corso di quarant'anni. Oggi però la congregazione ha dovuto ammettere i fatti compiuti al suo interno e, oltre al risarcimento riconosciuto alle vittime, si è dovuta scusare pubblicamente per gli atti compiuti dagli insegnanti e dagli impiegati delle scuole coinvolte.

Una scelta oramai inevitabile, dopo la causa aperta nei mesi scorsi dai familiari delle vittime. Secondo quanto citato dalla Gazzetta di Montréal, quando tre anni fa il quotidiano chiese spiegazioni sugli abusi a Padre Jean-Pierre Aumont, il superiore dell'ordine religioso, prove in mano, questi tagliò corto, parlando di intimidazioni ed estorsione da parte di un ex religioso scontento dei soldi ricevuti prima della sua partenza.

Ma documenti interni, inclusi alcuni giunti dal Vaticano, mostrano che non era così.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?