Navigation

PLR:Fulvio Pelli per maggiore libertà e responsabilità personale

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2011 - 11:40
(Keystone-ATS)

Fulvio Pelli non ne vuole più sapere di una "burocrazia assurda" che "minaccia la libertà". Il presidente del Partito liberale radicale (PLR) lo ha ribadito oggi davanti ai circa 200 delegati riuniti a Visp, in Vallese.

Pelli si è detto preoccupato per il moltiplicarsi di "testi inutuili" che regolamentano tutto invece di promuovere la libertà e la responsabilità individuale. È il caso della tassa sulla birra voluta dalla consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf e dell'imposta sulla superficie abitativa promossa da Doris Leuthard. "È un furto organizzato ai danni dei cittadini e un attentato alla saggezza di chi risparmia", secondo il presidente PLR.

"Chi vuole approfittare della libertà deve prima di tutto assumersi le sue responsabilità", ha aggiunto Pelli. La sinistra invece "chiede allo stato di tassare i ricchi e la società, tutti quelli che lavorano e risparmano". E le elezioni che si avvicina non fanno che peggiorare la situazione perché "potete stare certi che i politici in piena campagna elettorale, vi costruiranno un nuovo mondo con fiumi di regole e torrenti di imposte sulla base di belle promesse", ha detto ancora il presidente. Ed è proprio per lottare contro il moltiplicarsi delle leggi il PLR ha lanciato nell'ottobre 2010 l'iniziativa popolare contro la burocrazia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo