Navigation

Prezzi produzione e importazione in calo in giugno

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2011 - 10:49
(Keystone-ATS)

L'indice dei prezzi alla produzione e all'importazione in giugno è diminuito dello 0,5% rispetto a maggio, portandosi a 100,3 punti (100 = dicembre 2010). Secondo i calcoli dell'Ufficio federale di statistica (UST), risulta una flessione anche rispetto al giugno 2010 (-0,4%).

Su base mensile i prezzi alla produzione sono scesi dello 0,2% (a 99,7 punti), quelli all'importazione hanno segnato un calo dell'1,2% (a 101,6 punti). Quest'ultimo deriva soprattutto dalla contrazione del costo dei prodotti petroliferi e in metallo, si legge in una nota dell'UST. Su base annua si hanno una contrazione dello 0,8% per la produzione e un incremento dello 0,4% per l'import.

Quanto all'importazione, rispetto al mese precedente sono scesi in particolare i prezzi di petrolio greggio, prodotti petroliferi (carburanti, olio da riscaldamento, bitume puro), ferro grezzo, prodotti in acciaio, metalli non ferrosi e prodotti relativi. Lo stesso vale per ortaggi e patate, prodotti orticoli, caffè verde, tessili, cuoio e prodotti in cuoio, calzature e cavi elettrici. Aumenti di prezzo si sono riscontrati per l'uva da tavola, le arance, i limoni e i lubrificanti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?