Navigation

Processo Mills: Berlusconi in tribunale a Milano accusa pm

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2011 - 14:26
(Keystone-ATS)

Il presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi ha partecipato stamane a Milano all'udienza per il caso Mills in cui è imputato per corruzione in atti giudiziari. Ha accusato i pubblici ministeri (pm) "di usare il diritto come arma contro quello che loro ritengono un loro avversario politico".

"Per 24 volte i pubblici ministeri di Milano mi hanno rivolto accuse infondate", ha detto Berlusconi durante una pausa. Il processo Mills "è il peggiore di tutti, perché non c'è prova, né movente", ha affermato il premier, spiegando che il dibattimento sulla presunta corruzione in atti giudiziari dell'avvocato inglese è un processo "paradossale, ridicolo e surreale", "solo un processo mediatico". Rispondendo ai cronisti che gli facevano notare come il disegno di legge sulla prescrizione breve accorcerebbe i tempi della prescrizione anche per il processo Mills, il presidente del Consiglio ha sostenuto che "questo è un processo già morto". La prescrizione arriverà nel gennaio 2012 e col nuovo disegno di legge si accorcerà di sei mesi.

L'udienza è durata quasi quattro ore. Il processo è stato rinviato al 16 maggio, quando saranno sentiti due testimoni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?