Navigation

PS condanna violenze in Libia, bloccare averi Gheddafi

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2011 - 17:46
(Keystone-ATS)

Il Partito socialista (PS) ha condannato in un comunicato odierno le violenze del regime libico e chiede alla Consiglio federale di prendere delle misure. I socialisti chiedono al governo di bloccare immediatamente gli eventuali averi del clan Gheddafi presenti in Svizzera. Il PS chiede inoltre di intervenire all'ONU e alla Corte penale internazionale per denunciare i "crimini contro l'umanità".

In una nota congiunta di oggi anche Azione piazza finanziaria svizzera e Dichiarazione di Berna esigono che la Svizzera blocchi gli averi del leader libico e delle persone a lui vicine.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.