Navigation

Quattro mummie millenarie da Ginevra al Cile

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2011 - 10:19
(Keystone-ATS)

Quattro mummie millenarie che erano in possesso di un cittadino di Ginevra sono state finalmente restituite oggi al Cile, grazie alla mediazione del Museo etnografico, al quale l'uomo avrebbe voluto vendere le mummie.

"Siamo stati contattati nel 2007 da un individuo che voleva venderle o donarle al Museo", ha detto il direttore dello stesso Boris Wastiau, confermando una notizia del quotidiano "Le Temps".

Ma le mummie non potevano essere acquistate in quanto in Cile risultano protette: risalgono infatti a un periodo tra 4000 e 6000 anni or sono, e appartengono a una popolazione scomparsa, quella dei Chinchorros, come hanno constatato due archeologi cileni giunti a Ginevra proprio per esaminare le mummie.

Il Museo, dopo tre anni di trattative, è riuscito a convincere il loro possessore a restituirle al paese latinoamericano. L'uomo aveva anche altri resti umani, tra cui dieci teste, ma in pessime condizioni e senza valore scientifico: saranno inceneriti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.