Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Tribunale federale (TF) ha confermato il rigetto di una causa civile inoltrata contro dodici ex amministratori di SAirGroup, holding che comprendeva le attività di Swissair. Il liquidatore della società, Karl Wüthrich, chiedeva il versamento di 280 milioni di franchi.

L'accusa si riferiva in particolare a un trasferimento senza contropartita delle azioni della Roscor - società in salute che apparteneva a SAirGroup - alla SAirLines: questa operazione avrebbe causato danni notevoli. Prima di essere ceduta, l'impresa aveva un valore di circa 333 milioni di franchi per SAirGroup. Dopo la transazione, l'attivo di Roscor è sparito dai bilanci di SAirGroup, che in quel momento era già notevolmente indebitato, ha sostenuto Wüthrich.

Le accuse non hanno però convinto il Tribunale cantonale di Zurigo, secondo cui né SAirGroup né SAirLines erano eccessivamente indebitate al momento dell'operazione. La transazione Roscor non è quindi stata altro che un trasferimento di patrimonio interno al gruppo.

L'Alta corte di Losanna ha ora confermato la sentenza del tribunale zurighese, respingendo definitivamente l'azione civile inoltrata contro i dodici ex dirigenti, fra cui Philippe Bruggisser e Mario Corti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS