Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Siria: Congresso Usa, democratici per modifiche risoluzione

I democratici del Congresso stanno riscrivendo la bozza che autorizza la Casa Bianca a usare la forza in Siria perché quella inviata dall'amministrazione a Capitol Hill è troppo vaga. Lo ha detto il senatore del Vermont Patrick Lehay uscendo dalla riunione top secret con una delegazione dell'amministrazione.

La versione della casa Bianca non riceverebbe il suo appoggio, ha detto Lehay, un veterano di Capitol Hill, "ma so che in Senato si stanno preparando emendamenti".

Intanto la portaerei nucleare USS Nimitz e altre navi del suo gruppo d'attacco sono in navigazione verso Ovest in direzione del Mar Rosso, per contribuire ad un eventuale attacco alla Siria.

Lo hanno riferito fonti della difesa all'agenzia Reuters, secondo cui al momento la Nimitz e le altre navi del suo gruppo, tra cui quattro cacciatorpediniere e un incrociatore, non hanno ricevuto l'ordine di entrare nelle acque del Mediterraneo, ma si stanno comunque avvicinando, per essere pronte qualora dovessero riceverlo.

Non lontano, più ad Est nell'Oceano Indiano, gli Usa hanno anche un'altra portaerei, la USS Harry Truman. Attualmente, gli Usa dispongono nel Mediterraneo orientale di cinque cacciatorpediniere, ognuna armata con diverse decine di missili da crociera Tomahawk. Secondo varie fonti, nelle acque davanti alla cosa siriana il Pentagono avrebbe anche almeno un sottomarino.

Questo mentre la Lega Araba - in base alla bozza di documento approvato dai ministri degli esteri dell'organizzazione, che non diverge da quello sottoscritto dagli ambasciatori la scorsa settimana - chiede all'Onu e alla comunità internazionale di assumere le proprie responsabilità nel "prendere misure dissuasive contro chi ha utilizzato armi chimiche, di cui la responsabilità ricade sul regime siriano". Il consiglio dei delegati rimarrà in sessione permanente per seguire gli sviluppi siriani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.