Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 34 persone sono morte oggi nelle violenze in Siria, secondo i Comitati locali di coordinamento dell'opposizione, che riferiscono di bombardamenti su diverse località e di nuovi scontri tra le forze governative e ribelli, anche nel quartiere di Qadam a Damasco.

Altri combattimenti tra le truppe regolari e i disertori riuniti nell'Esercito libero siriano (Els) sono segnalati dalla stessa organizzazione a Daraya, sobborgo della capitale, e ad Ain Larouz, nella provincia settentrionale di Idlib. Bombardamenti particolarmente intensi, aggiunge la stessa fonte, sono avvenuti su Dayr az Zor e sulle città di Quseir e Rastan.

Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), almeno due civili hanno perso la vita a Duma, una quindicina di chilometri da Damasco, altri due a Daraa, nel sud, e una donna a Khisham, nella provincia di Dayr az Zor.

Da parte sua l'agenzia governativa Sana afferma che le violenze sono dovute ad operazioni delle forze governative contro "gruppi armati terroristi". L'agenzia aggiunge che le forze armate hanno concluso oggi, con il lancio di missili, esercitazioni militari durate cinque giorni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS