Navigation

Somalia: a Mogadiscio scontri violenti fra lealisti e islamici

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2011 - 10:05
(Keystone-ATS)

Scontri violenti sono esplosi fra forze lealiste e islamici a Mogadiscio, nel paese colpito da una gravissima carestia che sta mietendo migliaia di vittime. Lo riferiscono fonti ufficiali.

I combattimenti sono iniziati quando le forze governative, col sostegno di truppe dell'Unione Africana, hanno attaccato un bastione dei gruppi armati islamici Shabaab.

"Ci sono stati intensi combattimenti a Mogadiscio, ma è troppo presto per stabilire il numero delle vittime. Qualche civile è rimasto ferito durante gli scontri", ha detto Ali Muse, responsabile del servizio di ambulanze della capitale somala. Ieri il Pam (Programma alimentare mondiale) aveva annunciato la partenza del primo aereo del 'ponte' di aiuti umanitari per la capitale somala.

L'instabilità politica del Paese rende particolarmente difficili gli interventi umanitari internazionali: la carestia colpisce due regioni del sud del Paese, controllate dagli Shabaab, che ostacolano le operazioni di soccorso alla popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.