Navigation

Spagna: smantellata più grande rete mondiale computer zombie

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2010 - 14:46
(Keystone-ATS)

MADRID - La polizia spagnola ha annunciato oggi di avere smantellato la più importante rete mondiale di computer allestita da pirati informatici. L'operazione, condotta in collaborazione con l'Fbi americana, ha portato all'arresto di 3 spagnoli a capo della rete, che controllava 13 milioni di computer cosiddetti 'zombi' in 190 paesi, utilizzati all'insaputa dei loro proprietari, .
I tre cybercriminali ne avevano preso il controllo grazie a virus informatici detti 'cavalli di troia'. Si tratta di uno dei metodi più diffusi di criminalità informatica su internet. Grazie all'enorme numero di computer controllati, la rete poteva procedere a attacchi contro determinati server, inviare spam in massa o sottrarre dati personali o finanziari.
Sul computer centrale dell'organizzazione la polizia ha ritrovato dati personali di oltre 800mila utenti. Gli arresti sono intervenuti al termine di una inchiesta condotta dal Gruppo Reati Telematici (Gdt) della Guardia Civil spagnola.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?