Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Alcuni video ottenuti dagli investigatori della sparatoria di Tucson gettano nuova, drammatica luce sui momenti della strage provocata da Jared Lee Loughner, lo studente di 22 anni che a Tucson due sabati fa ha ucciso a colpi di pistola 6 persone e ne ha ferite altre 13.
Lo riferisce sul suo sito il Washington Post, che cita fonti dell'Fbi vicine alle indagini. In uno dei filmati registrati da una delle camere a circuito chiuso del Safeway davanti al quale è avvenuta la tragedia, si vede chiaramente Loughner avvicinarsi alla deputata Gabrielle Giffords, per poi spararle in faccia dalla distanza di un metro.
Dallo stesso video si capisce poi che, dopo aver sparato alla Giffords, Loughner continua a sparare. Prima si gira sulla sua sinistra, e spara alle persone che erano sedute o erano in fila per incontrare la deputata. Poi si gira alla sua destra e spara, tra gli altri, al giudice John Roll mentre questi cerca di trovare rifugio sotto un tavolo, proteggendo un'altra delle vittime rimasta ferita nella sparatoria.
Gli investigatori secondo quanto riporta il Washington Post si sono messi in contatto anche con alcuni amici di Loughner ai quali, tra Natale e Capodanno, il ragazzo ha mostrato la pistola poi usata per la strage. "Perchè l'hai comprata?". "Per proteggere casa" risponde.
L'amico riferirà l'episodio ai genitori solo dopo la strage. Appena l'hanno saputo, i genitori hanno segnalato la cosa alla polizia. Un altro video mostra invece Loughner all'interno del negozio Safeway, pochi momenti prima della tragedia. Sono le 9:54 del mattino. Il ragazzo aprirà il fuoco alle 10:10. Ha indosso un paio di cuffie per ascoltare musica, appare calmo. A un impiegato che gli chiede se abbia bisogno di qualcosa risponde: "Non vedi che ho le cuffie in funzione?".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS