Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Preparava un'altra strage, James Holmes, il giovane che ieri ha provocato un massacro alla prima di 'Batman' in un cinema di Aurora, alla periferia di Denver. Per ore, la Polizia locale affiancata da squadre di specialisti artificieri è stata al lavoro che disinnescare l'enorme massa di esplosivo di cui era imbottito l'appartamento di Holmes. Pare che nel piccolo appartamento ci fossero 60 ordigni pronti a esplodere, di cui 30 granate fatte in casa.

Tutta la zona è stata evacuata, almeno 5 edifici, attorno alla casa, sono stati abbandonati. Ogni piccola operazione nella zona, per ore e ore, è stata seguita in diretta dalle telecamere dei maggiori network tv poste sugli elicotteri. Gli inquirenti hanno così cominciato una serie di denotazioni controllate in modo da farsi largo, in sicurezza. E alla fine, secondo le prime indiscrezioni, pare che siano riusciti nel mettere al sicuro lo stabile, scollegando con successo tutti i cavi d'innesco. Intanto, con le prime notizie sulle vittime, aumenta, se possibile, la gravità della tragedia: nella lista dei morti c'è una bambina di appena sei anni. La madre, di 25 anni, sarebbe - riporta l'Associated Press - in condizioni critiche con pallottole alla gola e all'addome.

Caduti sotto il piombo di Holmes anche un militare della marina militare e uno aviatore della Air Force, oltre a tanti altri loro coetanei tra i 20 e i 30 anni. La Polizia, in uno dei suoi frequenti briefing, ha poi reso noto che James Holmes, quello che qui gli inquirenti continuano a definire 'il sospetto killer della strage di Denver', farà la sua prima apparizione in tribunale lunedì 23 luglio alle 8:30 ora locale (le 16:30 in Svizzera).

Holmes, al momento è rinchiuso nel carcere della contea, ha già un avvocato e pare che non stia collaborando con gli investigatori. Intanto fa clamore la notizia che il killer, nei mesi scorsi, si iscrisse a un sito di scambisti, dove sul web si cercano 'incontri occasionali a scopi sessuali', il cosiddetto 'sex-cruising'.

Il giovane si presentava con una foto in cui ha i capelli tinti di rosso, proprio come il 'Joker', il tradizionale cattivo di Batman, di cui ha affermato di essere emulo. Secondo quanto riporta il Daily Mail online, la polizia sta indagando a fondo sull'account sul sito 'AdultFriendFinder', dove il 24enne Holmes compare con il nickname di 'ClassicJimbo' e dice di cercare 'sesso occasionale' o 'avventura'. A interessare molto gli agenti il fatto che e nella breve presentazione, quasi annuncia il massacro, scrivendo: 'Verrai a farmi visita in prigione?'.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS