Navigation

Svizzera citata nel rapporto Usa sulla libertà religiosa

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2010 - 09:45
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - La Svizzera è citata nel rapporto pubblicato ieri dal dipartimento di Stato americano sulla libertà religiosa nel mondo. Hillary Clinton ha redarguito l'Europa riferendosi - pur senza nominarla - all'attitudine nei confronti dell'islam.
"Molti paesi europei hanno imposto severe restrizioni all'espressione religiosa", ha sottolineato la Segretaria di Stato. Il suo vice - e responsabile dei diritti dell'uomo -, Michael Posner, ha invece parlato della svizzera, citando esplicitamente il divieto di costruzione dei minareti.
Come quasi ogni anno, questo studio ufficiale ha classificato Corea del Nord, Iran, Birmania, Cina, Sudan e Arabia Saudita come i paesi che rispettano meno la libertà religiosa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.