Navigation

Terremoti: Nuova Zelanda; saranno almeno 200 i morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2011 - 12:08
(Keystone-ATS)

Continua a salire il bilancio dei morti del violento terremoto che martedì scorso ha raso al suolo gran parte di Christchurch, seconda città della Nuova Zelanda. Oggi ha raggiunto quota 148 e la polizia avverte che supererà i 200.

Intanto un contingente internazionale di oltre 600 soccorritori, affiancati da 900 soldati continua a cercare fra le macerie, mentre in una chiesetta rimasta in piedi si è tenuto il primo funerale, di un bimbo di 5 mesi ucciso nel sonno nel crollo della casa. Nessun sopravvissuto è stato estratto dalle macerie da mercoledì scorso e oggi gli sforzi delle squadre di ricerca e soccorso sono stati ostacolati da una bufera di vento e dal ripetersi delle scosse di assestamento, di cui una di magnitudo 4,7.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.