Navigation

Terrorismo: Fox, nel mirino Tour Eiffel e stazione Berlino

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2010 - 11:18
(Keystone-ATS)

ROMA - Anche la Torre Eiffel e la cattedrale di Notre Dame a Parigi, oltre alla stazione centrale di Berlino e la torre della tv in Alexanderplatz e un albergo di lusso vicino alla porta di Brandeburgo nella capitale tedesca sarebbero fra i bersagli dei terroristi che avevano ordito un complotto per colpire l'Europa. Lo riferisce la Fox News nel suo sito on line, citando fonti di intelligence.
Secondo la Fox, la lista dei possibili bersagli da colpire è stata fornita da un terrorista tedesco di origine pachistana (secondo altre fonti di origine afghana, ndr) detenuto nella base militare di Bagram, in Afghanistan.
Catturato lo scorso luglio, Ahmad Siddiqui ha rivelato negli interrogatori l'esistenza del piano terroristico per colpire bersagli in Europa - in particolare in Germania, Francia e Gran Bretagna - inclusi alberghi e siti turistici, con attentati analoghi agli attacchi coordinati a Mumbai, in India, nel 2008, in cui morirono 166 persone.
Negli ultimi 20 giorni la torre Eiffel a Parigi è stata evacuata due volte a seguito di allarmi bomba, rivelatisi poi senza fondamento. Secondo le fonti della Fox, è stata rafforzata la sicurezza anche intorno alla famiglia reale britannica.
Ieri gli Stati Uniti hanno emesso un cosiddetto 'travel alert' per l'Europa, un avvertimento ai viaggiatori americani nei paesi europei, chiedendo loro di essere vigili, essendoci rischi di attentati da parte di Al Qaida, e il ministero degli Esteri di Londra ha aggiornato le sue raccomandazioni ai britannici che viaggiano all'estero, avvertendo di una "forte minaccia terroristica" in Francia e Germania. Anche il ministero degli Esteri giapponese ha messo in guardia i propri cittadini in viaggio o residenti in Europa sui rischi di "possibili attacchi terroristici".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.