Navigation

Torre Babele di 30mila libri, scultura a Buenos Aires

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 maggio 2011 - 21:17
(Keystone-ATS)

Una Torre di Babele composta da 30.000 libri in lingue diverse disposti in una struttura a spirale alta 25 metri è la scultura che l'artista argentina Marta Minujin ha esposto a Buenos Aires, nella centrale Plaza San Martin, che sarà accessibile ai visitatori, come fosse una vera torre.

"L'idea è di unire tutte le razze attraverso i libri", ha spiegato la stessa artista, ricordando l'occasione della proclamazione della capitale argentina come Capitale mondiale del libro 2011 da parte dell'Unesco, l'agenzia Onu per l'educazione, la scienza e la cultura.

La Torre di Babele ha al suo interno sette piani, e da giovedì prossimo sarà visitabile dal pubblico in gruppi di al massimo 100 alla volta, che saranno accompagnati da un audio che reciterà la parola "libro" in tutte le lingue del mondo. I libri usati come "mattoni" per costruirla sono per la metà donazioni di una cinquantina di ambasciate a Buenos Aires, e per l'altra metà donazioni di privati, mobilitati con una campagna pubblica, il cui fine era la creazione di una "opera di partecipazione di massa".

Nell'ultimo giorno di apertura, il 28 maggio, ai visitatori sarà permesso di scegliere un libro fra quelli che compongono la torre e prenderselo. Quelli che non saranno regalati ai visitatori saranno donati alle biblioteche.

Già nel 1983, subito dopo la caduta della dittatura militare (1976-83), Marta Minujin costruì un Partenone di libri, usando solo titoli messi all'indice dalla giunta militare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?