Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Transocean, il gruppo americano di perforazioni petrolifere in mare, con sede a Zugo, ha registrato nel primo semestre un utile netto di 628 milioni di dollari: nello stesso periodo dello scorso anno aveva avuto una perdita di 294 milioni.

Nel secondo trimestre l'utile è stato di 307 milioni, contro una perdita della stessa entità un anno prima. Questo forte aumento dell'utile viene spiegato dal gruppo con un effetto base: nei primi sei mesi 2012 vi erano stati oneri eccezionali dovuti all'incidente nel pozzo di Macondo (Golfo del Messico).

Il fatturato semestrale è leggermente calato a 4,59 miliardi di dollari, contro i 4,43 miliardi dello stesso periodo 2012. L'utile operativo è invece passato da 229 milioni a 1,07 miliardi.

Nel secondo trimestre l'utile netto è risultato tuttavia inferiore alle previsioni degli analisti consultati dall'agenzia AWP, che si attendevano una cifra di 369 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS