Navigation

Tv: Charlie Sheen licenziato da set "Due uomini e mezzo"

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 marzo 2011 - 10:07
(Keystone-ATS)

Charlie Sheen è stato licenziato dal set di "Due uomini e mezzo". La decisione sembrava ormai inevitabile dopo gli insulti lanciati dall'attore a produttori e sceneggiatori della serie, soprattutto all'indirizzo del creatore della fortunata serie, Chuck Lorre.

Sheen ha commentato il licenziamento parlando di "una bellissima notizia" e dei festeggiamenti che ci sarebbero stati al Sober Valley Lodge, riferendosi alla sua abitazione, dove sta ricevendo cure per i suoi problemi con l'alcool e la droga, come a un tempio della sobrietà. Non è stata ancora presa una decisione sullo show, che potrebbe essere cancellato o portato avanti con un nuovo protagonista.

Tmz e People hanno pubblicato anche stralci di una lettera, risultata autentica, in cui l'avvocato della Warner Bros John Spiegel giustifica all'avvocato di Sheen, Marty Singer, il licenziamento, parlando di una persona autodistruttiva, di un drogato che sta peggiorando mentalmente e fisicamente e insulta quelli che hanno cercato di aiutarlo. "Dovreste concentrare le vostre energie su quello che nessuno è mai riuscito a fare, dare al vostro cliente l'aiuto rigoroso e continuativo di cui ha bisogno. È chiaro che non pensa di avere un problema e che continuerà a comportarsi così".

Sheen, continua la lettera, ha perso peso, iniziato a sbagliare le battute, mancando alle prove. L'avvocato dell'attore ha risposto dicendo che il provvedimento di Warner è solo una prova di forza da parte di Chuck Lorre, che si è sentito offeso dalle parole di Sheen, annunciando provvedimenti contro il licenziamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.