Navigation

Ue: bimbi morti a Roma, integrazione rom sia priorità

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 febbraio 2011 - 17:24
(Keystone-ATS)

"La tragedia di ieri a Roma dimostra che l'integrazione dei rom deve restare in cima alle priorità dell'agenda politica". È il commento della vicepresidente della Commissione europea, Viviane Reding, responsabile per la giustizia e protagonista la scorsa estate di un duro scontro con il presidente francese Nicolas Sarkozy sulle espulsioni dei rom dalla Francia, accusata di "discriminazione razziale".

"Per la Commissione - ha aggiunto la Reding in una dichiarazione all'ANSA - la questione dei rom è molto più di una semplice storia estiva. Stiamo lavorando con gli stati membri per migliorare la situazione dei Rom in Europa".

La questione dei rom è stata indicata come prioritaria dal governo ungherese che detiene la presidenza di turno dell'Ue. "Entro aprile - ha ricordato il portavoce della commissaria Reding - ogni stato membro dovrà presentare la sua strategia sulle tre linee guida principali: educazione, riduzione della povertà ed impiego". Quello cui punta la Commissione europea è spingere gli stati membri "ad usare i fondi europei". Con la presentazione del piano anche l'Italia dovrà indicare quale sarà la sua strategia.

Le considerazioni politiche che arrivano da Bruxelles non entrano nel merito della tragedia di Roma ("poteva succedere ovunque, purtroppo", osserva il portavoce della Reding), ma la vicepresidente della Commissione ha sottolineato come sia responsabilità di ogni singolo stato membro mettere in pratica gli obiettivi già da anni indicati dalla stessa Unione europea nei confronti di quella che è la più grande minoranza etnica del continente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.