Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - La Commissione Ue rivede decisamente al rialzo le previsioni di crescita dell'economia europea per il 2010: il Pil dell'Eurozona, infatti, si attesterà all'1,7%, contro lo 0,9% stimato in primavera. La Ue nel suo insieme crescerà dell'1,8%.
A trainare la ripresa del Vecchio Continente sono Germania e Polonia, che cresceranno quest'anno del 3,4%, seguite da Olanda (+1,9%), Regno Unito (+1,7%) e Francia (+1,6%). Il Pil italiano si attesterà, secondo Bruxelles, a +1,1% (in rialzo rispetto allo 0,8% previsto in maggio). Resta in recessione la Spagna (-0,3%).
"L'economia europea è chiaramente sulla via della ripresa, in maniera più forte di quanto previsto nella scorsa primavera". Ma questa ripresa "resta fragile", soprattutto per "la grande incertezza" sull'evoluzione della situazione a livello mondiale. Così il commissario Ue agli affari economici e monetari, Olli Rehn, commenta le nuove previsioni economiche di Bruxelles per il 2010.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS