Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Negli Stati Uniti crescono gli investimenti nella pubblicità attraverso video su internet. È quanto emerge da una ricerca di eMarketer, secondo la quale nel 2009 i video sono stati il formato pubblicitario online a registrare l'incremento maggiore con una crescita di circa il 40%. Una tendenza che, per la società di ricerche, continuerà anche nel 2010, anche se a ritmi leggermente inferiori.
Da una ricerca di BrightRoll, condotta su un campione di dirigenti di agenzie pubblicitarie degli Stati Uniti, è emerso che il 94% ha aumentato gli investimenti in pubblicità video su internet nel primo trimestre dell'anno, il 7% in più rispetto allo stesso periodo del 2009.
Tra i motivi che hanno spinto le agenzie di pubblicità a investire nel video advertising - spiega la ricerca - i buoni risultati ottenuti, il ritenere questa forma di pubblicità più efficace di altre e la possibilità di raggiungere uno specifico obiettivo.
Lo studio ha infine evidenziato alcune problematiche del settore, come quello dei video pubblicitari che si avviano automaticamente, che secondo le agenzie si rivelano controproducenti in termini di credibilità. Circa un quarto degli intervistati non è però convinto neanche dei format 'preroll', brevi video pubblicitari che vengono trasmessi prima dell'inizio del filmato scelto dall'utente.

SDA-ATS