Navigation

USA: giustiziato in Texas anche se non è l'omicida

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2009 - 12:11
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - Condanna paradossale in Texas: il vero omicida sta scontando l'ergastolo, un uomo suo complice solo in una tentata rapina è stato giustiziato. Questo il caso di Robert Thompson, 34 anni, messo a morte mediante iniezione letale un'ora dopo che il governatore del Texas, Rick Perry, gli aveva negato la grazia nonostante la richiesta di commutazione in carcere a vita del Board of Pardons and Paroles, il comitato che si esprime sui casi più controversi.
In questo caso il Board aveva appunto votato a maggioranza (5-2) una rara raccomandazione di grazia perché era emerso che il condannato non era fisicamente colui che aveva commesso l'omicidio. Ad uccidere, nel 1996, era stato un suo complice. Il quale però è stato condannato all'ergastolo, mentre Robert Thompson è stato messo a morte nonostante sia stato accertato che in quel tentativo di rapina non fu lui a uccidere.
Nei suoi confronti è stata applicata la cosiddetta Law of Parties (la legge dei complici), una controversa norma sulla responsabilità penale dei complici che in Texas, unico stato in tutti gli USA, è adottata di routine ai casi di pena capitale. Questa mostruosità giuridica consente, come in questo caso, di mettere a morte un individuo anche se non è colpevole di omicidio.
Non è la prima volta che il governatore Perry riceve una raccomandazione di grazia dal Board of Pardons. Nel 2007 ricevette una richiesta analoga per il caso di Kenneth Foster, un condannato a morte che - appunto - la "legge dei complici" del Texas aveva ritenuto meritevole della pena capitale nonostante non avesse commesso fisicamente l'omicidio nel caso per cui era stato processato.
Cedendo di fronte alla pressione internazionale sollevatasi sul caso Foster, Perry allora commutò in ergastolo la condanna quando mancavano poche ore dall'appuntamento del boia. In questo caso, invece, il governatore si è mostrato inflessibile. E meno di un'ora dopo il no di Perry alla grazia, l'esecuzione è stata portata a termine.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.