Navigation

Vallese: persone intossicate in rifugio, nove lasciano ospedale

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 dicembre 2010 - 17:26
(Keystone-ATS)

SION - Nove delle dieci persone rimaste intossicate mercoledì da monossido di carbonio in un rifugio alpino nella regione vallesana dell'Ovronnaz hanno potuto lasciare l'ospedale. Lo ha indicato oggi la polizia cantonale vallesana, precisando che resta ancora ricoverato a Ginevra uno svizzero tedesco.
In seguito all'emanazione del monossido di carbonio sprigionatosi da un caminetto a legna, sei adulti e quattro bambini sono stati ricoverati. Sei degli intossicati sono stati trasportati all'ospedale universitario di Ginevra, sono stati posti in camere iperbariche.
Un'inchiesta è stata aperta ieri per determinare le esatte cause dell'incidente. L'ufficio del giudice istruttore ha posto il rifugio sotto sigillo e incaricato un esperto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?