Il Consiglio degli Stati ha tacitamente sospeso oggi l'esame di cinque iniziative cantonali - tra le quali figura una depositata dal Ticino - nelle quali si chiede di proibire i videogiochi violenti. I senatori preferiscono infatti attendere le soluzioni che il Consiglio federale sta già preparando.

Hermann Bürgi (UDC/TG), a nome della commissione, ha ricordato che la Camera dei cantoni ha già adottato nel 2010 due mozioni - dei consiglieri nazionali bernesi Norbert Hochreutener (PPD) e Evi Allemann (PS) - che hanno obiettivi simili alle iniziative cantonali.

Dato che il Consiglio federale è già stato incaricato di prendere provvedimenti, non è il caso ora di trasmettergli anche le cinque iniziative cantonali, ha aggiunto. Esse non vengono tuttavia rifiutate, ma solo sospese in attesa della risposta del governo alle mozioni Hochreutener e Allemann.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.