Navigation

Visita di Calmy-Rey a presidenza ungherese dell'Ue

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 febbraio 2011 - 13:30
(Keystone-ATS)

Il ministro ungherese degli affari esteri Janos Martonyi ha ringraziato oggi la presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey - in visita di Stato nel paese che detiene al momento la presidenza di turno dell'Unione europea - per il contributo svizzero alla coesione dell'Ue. Budapest spera che Berna continui a impegnarsi anche dopo il 2012.

Martonyi ha dichiarato di essere soddisfatto dei progetti condotti nell'ambito del "miliardo di coesione", ha indicato all'ATS l'ufficio del capo della diplomazia ungherese. La durata di questi progetti è prevista fino al 2012.

Il popolo elvetico ha accettato nel 2006 la legge che autorizza il contributo all'allargamento dell'Ue. La Svizzera si è impegnata a versare 1,257 miliardi di franchi in favore dei paesi che sono entrati a far parte dell'Ue nel 2000, di cui 130 milioni per l'Ungheria.

Martonyi ha anche presentato a Calmy-Rey le priorità della presidenza ungherese all'Ue. Tra queste vi sono gli sforzi per far uscire l'Europa dalla crisi economica e la questione dell'integrazione dei Rom, per la quale Budapest si augura di trovare una soluzione a livello europeo.

In precedenza la presidente della Confederazione era stata accolta con gli onori militari dal suo omologo Pal Schmitt.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?