Navigation

WEF Davos: i libici sono i benvenuti

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2010 - 10:25
(Keystone-ATS)

DAVOS GR - Al Forum economico mondiale (WEF) di Davos (GR) dello scorso anno nessun libico è stato invitato, ma quest'anno la situazione è diversa: i rappresentanti dello Stato nordafricano sono i benvenuti. Sulla lista degli invitati è infatti presente anche Seif Al-Islam Gheddafi, figlio del leader Muammar Gheddafi.
Il caso degli ostaggi svizzeri si è risolto, e non esistono quindi motivi per escludere cittadini libici o di altre nazioni dal Forum, ha dichiarato all'ATS la responsabile dei media del WEF Fon Mathuros Chantanayingyong.
La vicenda Gheddafi era cominciata nel luglio 2008: in seguito all'arresto di Hannibal Gheddafi a Ginevra, due cittadini svizzeri erano stati fermati in Libia. L'ultimo dei due ostaggi è stato rilasciato solamente nel giugno di quest'anno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?